Tag: Pianura Padana

Ancora sulle trivellazioni di petrolio

Per vedere se le trivellazioni per trovare il petrolio in Pianura Padana provocano terremoti cosa si fa? Si fa una trivellazione: O non succede niente e allora possono trivellare ancora o crolla di nuovo qualche cosa e è meglio non farlo più: la logica è inappuntabile, peccato che in mezzo ci siano i popoli della pianura. La notizia mi ha sconcertata, perché  è incredibile che per le logiche economiche si continui a portare avanti la trivellazione. Perché non trovare altre energie, tipo quelle naturali? Penso che non si sarà nessuno che cambierà questo dato di fatto: la ricerca delle energie alternative è osteggiata in vario modo. Uno di questi è la trivellazione.

Vi metto un link per conoscere e approfondire e anche vedere un video girato in USA. Buona visione!

http://www.greenstyle.it/terremoto-in-emilia-causato-dalle-estrazioni-di-shale-gas-9577.html

Notizie? Non ce ne sono

Non ci sono notizie particolari da commentare: la politica è sempre quella, la cronaca pure, le tasse sempre di più. L’unica notizia è che la benzina è a 2 euro e 45. Una bazzecola con la crisi che c’è! Se un pendolare della macchina aveva comperato casa nei paesi vicini alla città, perché costava meno, era immersa nel verde e l’aria era pulita (? in Pianura Padana mi sa che non c’è aria pulita) ora si trova con il mutuo da pagare, la vita più cara e quei venti o trenta km al giorno da fare con la benzina a 2 euro e passa. Aumenterà anche tutto l’indotto, perché l’Italia è una nazione che ha solo o quasi trasporto su gomma : tanti tir insomma, quelli che troviamo sulle strade e autostrade. Quindi tutta la merce aumenterà, tanto per cambiare. E per questo non c’è governo che tenga. Non è cambiato niente da prima, se non in peggio. Ma la tassa sui patrimoni non la mette nessuno?

Stesse liti fra i partiti, stesso rincorrersi di notizie più o meno vere  in un caos che ormai ha ottenuto l’effetto voluto: non interessano a nessuno. Arrendiamo all’evidenza: governano loro, tutti insieme appassionatamente e non se ne andranno mai. Amen

 

Neve chimica o nebbia raffreddata : sempre inquinamento è

L’altra mattina mi sono dovuta recare in città quasi all’alba, dalle mie parti nebbia fitta, che stava lentamente diradandosi. Un paio di chilometri dopo tutto era coperto di bianco, cadevano dei fiocchi di neve,  e dopo ancora il sole. Una descrizione metereologica di tutto quello che c’è in inverno. Poi in città il sole era proprio invitante, anche se era freddissimo.  Mi sembrava un gioco, l’incantesimo di Luca Mercalli, perché al ritorno era uguale, la neve ovunque per un paio di chilometri. Va bene che ci siano precipitazioni a macchia di leopardo, ma era proprio strano. Oggi ho scoperto l’arcano: é neve “Chimica” o nebbia condensata, prodotta dall’incontro di aria calda e fredda più sostanze chimiche presenti per l’inquinamento.

Mi chiedo : se la neve chimica evapora con l’arrivo del sole e l’aria più in alto è piena di smog, noi come respiriamo? La Pianura Padana è un catino pieno di industrie, di smog,  di piombo, e di  altre sostanze chimiche pesanti. Va da se che le malattie respiratorie sono in aumento, poi anche le malattie tumorali sono in aumento. E allora ci si aspetterebbe che alle proposte di girare meno in macchina, abbassare il riscaldamento in casa e negli uffici, cercare di inquinare meno ognuno nel suo possibile venissero accettate con attenzione. Ma invece si vendono molti suv ( a cosa servono in città non lo so) e l’inquinamento nelle industrie non diminuisce, in casa si sta al caldissimo e l’inquinamento non diminuisce!

Volevo fare delle foto al paesaggio da favola, come quello della galaverna, ma queste notizie mi hanno tolto molta poesia. Peccato! Articolo