Tag: Il Celeste

Parlamento in ferie

Mentre noi trascorriamo ore  seduti sul divano a vedere atleti magici che riescono in imprese divine, tipo Bolt, La Idem, ecc la crisi  avanza. Per fortuna il Parlamento è chiuso per ferie e il rischio che i parlamentari combinino guai è lontano, per ora.Mi piacerebbe sapere quanti di loro trascorrono le ferie in una pensioncina a 50 euro tutto compreso, anche la serata musicale e il noleggio delle biciclette. Il Celeste, Formigoni, per chi non lo sa, sotto il sole d’estate diventa lo smemorato di Collegno, si trova su panfili, paradisi del mare e isole di sogno senza sapere perché e chi lo ha mandato lì. Ha inventato, dopo Star Trek, il teletrasporto e se lo tiene solo per lui. La Minetti  ha già capito da tempo come funziona e allora gite con Corona, il fotografo del ricatto, e dichiarazioni di fedeltà alla politica. Certo, con quello che prende anche io sarei fedelissima al mio portafogli. Gli altri chissà dove sono. Ricchi e spaparazzati mentre noi respiriamo a fatica questa aria mefitica.

Nonostante questo vuoto arrivano echi di proposte varie, di richieste di aiuti alla Bce, di Italia in default e visite ai mafiosi  in carcere da parte dei parlamentari. Una volta si scriveva del padrone che  morsicava il cane, ora si raccolgono tutti i sospiri di chi potrebbe essere il detentore di proposte  risolutive e si pubblica. Poco importa se non c’entra niente. Basta parlarne.  Meglio, molto meglio gli dei dello sport e le loro imprese, anche se a volte il doping la fa da padrone. Un pensiero a Swarz, beccato con l’Epo. Sappia che lui è quello sfortunato. Scoperto e denunciato. Gli altri  sono, forse, più furbi. In ogni caso prendere il doping è un furto,oltre che un danno alla propria salute, come prendere i nostri soldi e non fare niente per farci uscire dal pantano economico-politico dove siamo.

E alla fine non ne rimase nessuno ( dieci piccoli indiani)

Manca il decimo invitato, il decimo indiano, quello che sa tutto, conosce ogni dettaglio della sparizione degli altri nove. Nessun lo conosce, ma è sicuro, c’è chi tira i fili nella sparizione, fino allo sputtanamento dei politici in esame)

Craxi è lontano, ma è stato il primo, poi Berlusconi, Previti, Bossi, Bossi Junior , Moratti signora, Il Celeste Formigoni e tutti gli apparati dellasanita privata lombarda, vedi Don Verzè, Mora, Fede, gli Anemone e compagni ecc;

Non so perché ma sembra che siano tutti  dentro  il fenomeno del Berlusconismo e c.

Manca Dell’Utri, tutta la famiglia dei mafiosi, compresi gli stallieri, e coloro che hanno fatto affari con la Mafia, anche se dentro lo  Stato. Spero scompaiano anche loro e che l’Italia si liberi da questo giogo. Manca la Cia come nei migliori film. Ma forse è l’ultimo indiano…il decimo, che li uccide tutti!

Cosa succede in città?

Che cosa sta succedendo in generale? Io non capisco più niente  devo dire ho intenzione di arrebdendirmi, a differenza dei tanti politici che , con le mani nel gruzzolo non si arrendono mai, immarcescibili. La cosa peggiore e che sembra che qualche cosa cambi, invece non cambia nulla. Prendiamo Grillo e i 5 stelle. Sono già ai ferri corti fra di loro, Grillo passando dalle idee ai fatti non riesce a dare splendore alle sue teorie. Va bene la gente onesta, ma ci vuole gente preparata non solo nel campo specifico, ci sono i tecnici, ma anche in quello di mediazione ( parolaccia, ma legata indissolubilmente  alla democrazia) .

Una volta conoscevo un gruppo di cittadini che aveva preparato una lista civica in tre mesi, alle elezioni ha raccolto l’11% dei voti, con un consigliere comunale eletto. Erano d’accordo su quasi tutto, prima delle elezioni, dopo sono emerse le differenze e il gruppo , dovendo scegliere fra due strade privilegiate si è rotto, finito nel nulla, lasciando il consigliere a lottare per i suoi ideali e non tutti quelli del gruppo. Notare che il programma era stato condiviso in ogni virgola.

Per questo il caso di Grillo mi pare normale, non particolarmente diverso da altri se non che lui ha fatto nascere tante speranze. La cosa più positiva è la grande riflessione che ha costretto a afre a molti cittadini sui deputati e la loro moralità. Buona cosa.

Il Celeste,Formigoni, invece, mi sembra Gastone, il cugino di Paperino , antipatico come pochi e sempre al di sopra di tutti. Anche se ha le mani sporche di petrolio dell’Irak in cambio di Pane, Oil for food, in cui è indagato ; e siamo all’alba del suo mandato, appena dopo la Guerra del Golfo.

Dopo di che il grande ha incrementato CL ( Comunione e Liberazione) fino a pareggiare il trattamento fra il pubblico e il privato. Naturalmente le cliniche, le mense, le case editrici, le scuole private ecc erano quasi tutte della Compagnia delle Opere, (azienda di C.L.) da noi c’è la Manutencoop, oppure la Camst , ma mi risulta che non abbiano scuole o cliniche, al massino le puliscono!

Il divino ha detto che non cede, non se ne va, anche se è indagato per altri soldi e accomodamenti.  Che dire, quando il potere diventa un diritto e non un atto democratico? Dove sta tutta la democrazia dei celesti dietro questi fatti riassunti malamente? E poi se la prendono con l’aborto, i gay, il divorzio. Già e questo perchè ? Perché i cattolici ( la maggioranza di CL si professa cattolica) hanno la confessione , vanno dal prete, gli raccontano le loro nefandezze e dopo sono come nuovi, pronti a ricominciare. Vale anche per la pedofilia, lo stupro e la violenza sulle donne. Tutti crimini con lo sconto e la penitenza, preghiere e fioretti. Anziché una bella denuncia alla polizia. Terribile. Ma come fa un prete a tenersi tutto dentro?

Ero cominciata lieve e ora sono sprofondata. Sarà il caldo!