Tag: cittadini

Dopo avere visto Report

Dopo aver visto Report e la faccia di bronzo di tutti coloro che sono a vario titolo indagati  e siedono in Parlamento mi chiedo chi potrà mai varare leggi a loro danno. Mai. Nè leggi elettorali, né leggi contro la corruzione.  E a noi cittadini basta leggere o vedere tutto ciò, indignarci , firmare petizioni, ma mai scendere fino davanti al Parlamento a muso duro. Siamo mansueti e pacifici come agnellini a Pasqua, a noi basta l’IPhon5 e siamo felici, il calcio, i reality e poco altro. Parlo in generale, naturalmente le sacche di resistenza ci sono ma appaiono come gli ultimi indiani della riserva. La cosa che più mi fa pensare è che molti di coloro che dovrebbero indignarsi sono  quelli che  negli anni 70 hanno occupato, lottato, combattuto per quella fantasia al potere che non avremo mai. Siamo tenuti in scacco matto dalla crisi, dai problemi economici e dagli scandali. Meglio parlare dei parlamentari e vari che hanno mangiato a tre palmenti che  scendere con i forconi. Forconi che forse faremmo bene a tenere stretti per quando si dovrà tornare a lavorare la terra per far nascere quel cibo che non farà più così facile reperire, a causa della crisi.

A  forza di ascoltare notizie di questo tipo mi sto spaventando. Potrei radere al suolo le piante del mio giardino e fare un orto con tanto di frumento, davanti, al posto dell’erba che non cresce, perché risparmio l’acqua. Che pirla che sono!

Insieme si può

Sono contenta che i grillini abbiano sbragliato la politica vecchia e obsoleta. Ciò dimostra che il voto conta, eccome e che è un modo per definire meglio la democrazia. Non sono sempre d’accordo con Grillo, anzi, ma sono molto favorevole ai cambiamenti. Anche se pare che i leader di partito non capiscano che devono modificare le cose come vogliono gli italiani. Stop al rimborso ai partiti, se non in relazione alle spese fatte, facce nuove e più giovani e non le tartarughe delle Galapagos, riduzione dei compensi e il più importante per me un uomo in un posto, non un uomo per dieci o venti  incarichi e fedine penali pulite. E aggiungo, se uno milita in un partito cattolico sia praticante e non divorziato, cioè coerente con il credo. Troppo? No, il giusto, perché dopo il berlusconismo, il leghismo e il ladrismo, la fiducia non si regala a nessuno. Bisogna guadagnarsela. Dimenticavo che c’è bisogno di dare uno stimolo alla crescita, ma questo è il problema del governo tecnico!  Per oggi applausi ai grillini, giovani e pieni di entusiasmi. Vedremo come se la caveranno! Auguri.