Da Agota Kristof a Elena Ferrante, letture

Ultimamente scrivo pochissimo, leggo molto di più. Ho scoperto Elena Ferrante e ho  terminato l’ultimo libro in un baleno. Mi piace la scrittura fitta e concentrata, ma ricca di significati.

Sono andata in giro  a cercare gli altri volumi della serie L’amica geniale. Non c’erano. Forse li troverò in biblioteca. Meglio, anche se a me i libri piace possederli, tenerli nello scaffale a vista, a volte posare gli occhi e pensare che quella era una bella storia scritta bene. Io non riesco più a scrivere. Mi sembra una attività senza senso, faticare tanto e alla fine essere sommersa da altri autori, altre storie, altre critiche. Nelle librerie e nelle biblioteche ci sono migliaia di autori letti e non e in giro ci sono solo titoli da leggere, volendo, come i detersivi o le acque minerali. Prodotti. Mi viene da pensare che forse non ho più nulla da dire, o meglio che quello che ho da dire è così personale  che non voglio dividerlo con nessuno. Fondamentalmente non ho più voglia di mettermi in discussione, di offrirmi alle critiche e anche agli apprezzamenti. Intanto leggo bravi autori e devo dire che mi diverto. Ultimi titoli:

La mia famiglia e altri animali, ( lo consiglio vivamente agli amanti della natura),

Storia di chi fugge e e di chi resta, ( Elena Ferrante)

L’analfabeta ( Agota Kristof)

Il Paradiso è altrove ( Mario Vargas Llosa)

Inizierò a leggere

Memoria del fuoco ( Galeano, 1 parte di tre).

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...