Incontro al futuro ( racconto)

Incontro al futuro

Un piccolo sacchetto di tessuto intarsiato di fili d’oro compare sul tavolo e

la stanza si illumina all’improvviso. Ci si accomoda attorno al tavolo sgombro, c’è chi appoggia i gomiti a sorreggere un viso curioso e gli sguardi interessati corrono al piccolo involucro misterioso,

-Ci siamo!- nessuno ha parlato, ma da giorni aspettano l’incontro con il destino, raccontato da un’amica, come altre mille volte, ma sempre  con lo stesso affanno.

Le amiche attendono pazienti il loro turno, ci sarà tempo per tutte, senza incertezze, senza timori.

Le mani velocemente mescolano le 22 carte dei Tarocchi Maggiori con maestria, lo sguardo ai gesti consueti, mentre il silenzio si può quasi accarezzare, dopo tante chiacchiere allegre.

Muta, la consultante, pensa a tutta la vita presente, ai dolori, ai dubbi e osservando il movimento delle mani vorrebbe trovare risposte, certezze, serenità.

Il mazzo lentamente si dispiega e svela le sue verità misteriose codificate e mai dimostrate .

Diavoli, Papesse e Appesi raccontano quanto complicata sia la vita, comunque. Quante sofferenze dell’anima e del corpo uguali e diverse ogni volta lamentano gli uomini,.

-E ora che dicono?- il sussurro si spande nell’aria

-Parla, racconta, voglio sapere- pensa la consultante, ma timida e restia, tace, non esprime i suoi desideri, troppi occhi e troppi visi in attesa di una risposta.

Non vuole svelare i suoi dubbi, non desidera ricordare l’ultimo amore finito male o quel lavoro che non si trova.

Sarà colei che mescola il mazzo e possiede il sapere che scoprirà lentamente, con un linguaggio a volte oscuro a volte banale ciò che interpreta nelle buffe immagini antiche .

Sarà vero? Sarà una favola di quelle che si raccontavano ai bambini prima di addormentarli? Non ha importanza, interessa che quelle lame scavino nell’anima, nei pensieri e facciano  riflettere, fino a comporre il mosaico del proprio agire, fino a scoprire dentro di sé risposte inascoltate.

I visi si protendono  per scrutare la sequenza di personaggi seduti, in piedi, capovolti o di astri caduti dal cielo.

Ecco apparire la Luna, misteriosa. Nella Luna c’è la donna nascosta, le inquietudini legate all’ignoto, le angosce infinite, ma anche la madre, l’intuizione.

E’ la donna che segue i sogni e si trasforma ogni giorno correndo incontro al futuro.

Ieri ,oggi, il futuro: le lame sono adagiate in sequenze prestabilite da tempo immemore per comprendere un disegno oscuro, ogni volta differente.

Altre figure scendono dal mazzo e finalmente si presenta la lama degli Amanti. Sono in tre.

Tre figure, sempre l’uomo, in alto, che sceglie. Amore sacro o amor profano. Un tuffo al cuore, una leggera ebbrezza, ma breve come il battito della pendola.

Non c’entra l’amore pare suggerire La Ruota della Fortuna.

Chissà dove si è appoggiato l’Imperatore, così immobile, così deciso, è vicino alla Torre, quasi a sostenere una casa che cade. Accidenti, nemmeno questa volta va bene!

Finalmente esce il Sole che scalda e illumina la stesa di carte riportando allegria.

 

Un sospiro di sollievo si avverte nell’aria ammorbata dal fumo delle sigarette. Qualcuno centellina un goccio di vino bianco frizzante e svagatamente sgranocchia piccole leccornie da aperitivo.

-Allora, che succederà ?.-

Le parole rompono il silenzio ancora una volta e raccontano una storia   di lacrime, di amore. Desiderio  infinito di riempire un vuoto che al momento rimane nell’anima.

La consultante reagisce, a volte scuote la testa,, quasi  accarezza le lame distese, chiede spiegazioni.

Alla fine ringrazia, ripensa alle parole già dette aggrottando la fronte .

-Quando me le fai la prossima volta?- chiede sottovoce.

Intorno di nuovo il silenzio, in attesa di un’ altra domanda. A chi tocca?

 

2 pensieri su “Incontro al futuro ( racconto)

  1. Non essendone minimamente un cultore nè un appassionato, ma cercando comunque di non muovermi mai nell’ombra del pregiudizio e del luogo comune quanto piuttosto di una sana e leale curiosità, devo ammettere che tutto quello di “culturale e cultuale” (dicotomia che spesso usava il mio prof di greco e latino, ad indicare come nel mondo antico culto e cultura andassero a braccetto, e la comune radice etimologica ce lo sta a ricordare) che ruota intorno ai Tarocchi è obiettivamente affascinante.

    L’essere umano, nel bene e nel male, vive anche e soprattutto di simboli, di metafore, di allegorie. Spesso senza saperlo e senza rendersene conto, e allora confonde simboli, metafore ed allegorie per “la cosa reale” come accade nelle superstizioni e in alcune religioni troppo dogmatiche che sfortunatamente sono quelle che vanno per la maggiore. Mentre il contesto più evolutivo ed operativo in cui simboli, metafore ed allegorie possono guarire più delle medicine è la psicoterapia.

    Nel tuo racconto non ci possono essere dubbi, l’aspetto simbolico è pienamente colto, i Tarocchi rappresentano una specie di ipnotico Stargate tra il mondo materiale e manifesto e quello obliquo e un po’ subdolo del Possibile e del Misterioso.

    “Non ha importanza, interessa che quelle lame scavino nell’anima, nei pensieri e facciano riflettere”. Il succo del tuo racconto credo sia tutto qui.

    Ancora complimenti.

  2. @Luca grazie per i complimenti. In effetti leggere i Tarocchi è fare un viaggio nell’anima ( almeno io li intendo così) alla ricerca di risposte che già esistono dentro di noi. A volte dico cose che sorprendono perché sembro indovinare, ma semplicemente scopro pensieri non detti. E farlo con altre persone in effetti mi disturba, non è sempre lecito ascoltare il privato degli altri. Un saluto Riri52

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...