Il ritorno

La casa al ritorno sembra più bella, migliore di quando l’hai lasciata, comoda con gli oggetti che non hai usato per una settimana. Ma è anche un attimo triste, perché l’estate se ne va, quatta quatta. Al mare gli alberghi chiudono le cucine e gli ombrelloni sono sempre meno mentre i bagnini  puliscono gli sdrai per metterli in deposito. I primi due giorni c’era pioggia ed era molto triste il grigiore del cielo che si confondeva con il mare. Poi per fortuna è uscito il sole e ha dato il meglio di sé regalandomi una buona tonalità ramata. Popolo di settembre tedeschi, bambini, nonni, terza età, pochi venditori ambulanti, che sfilavano fra gli ombrelloni, per sfuggire ai controlli della polizia. Poi alle sei mercato all’aperto e merce in saldo. Montagne di paccottiglia cinese e indiana che poi finirà in qualche magazzino o addirittura verrà esportata su altre spiagge. Ho incontrato persone con storie interessanti e originali da cui prenderò spunto per scrivere racconti. Chissà che cosa mi aspetta nei prossimi mesi! Mi piacerebbe essere più organica, stabilire giorni o momenti per fare delle attività. Vedremo. Intanto mi leggo tutto ciò che ho perso nei blog degli altri e riprendo la solita vita.

6 pensieri su “Il ritorno

  1. Ben tornata, Rita. Godiamoci quest’ultimo scampolo d’estate in città, ora che il caldo è più che sopportabile.

  2. @Mirella hai ragione, oggi e domani tutti in costume a prendere il sole, da giovedì pioggia, han detto, ma sarà vero? Ciao a presto Rita

  3. Una vacanza settembrina è indubbiamente un lusso, perché non costituisce un rimedio alla calura soffocante della città (che anzi offre uno dei rari periodi di piacevolezza climatica), e perché l’indubbia bellezza romantica delle tinte e delle atmosfere, che avvolgono le località di villeggiatura, conosce il caro prezzo di quel senso di smobilitazione e di festa finita, che bisogna essere attrezzati di molta serenità interiore per sopportare e magari apprezzare nella sua poesia.
    Il ritorno, comunque, come testimoni anche tu, diventa poi molto più piacevole.
    Buon settembre, per quel che ne resta, e buon inizio autunno!

  4. @Franz in effetti vedere che mettevano a riposo le attrezzature e lavavano gli sdrai dava il senso del termine. Ma lo spazio e la stagione erano meravigliosi. Unici! Ciao Riri52

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...