Giorno: 20 aprile 2012

Le frasi da non dire a un malato di tumore ( dalla Repubblica.it)

Ho letto il bell’articolo di una giornalista inglese che, superato un tumore, ha scritto il decalogo delle frasi da non dire a un malato di tumore Concordo in pieno su tutto quello che ha scritto, infatti io chiedevo di essere positivi e di parlare della vita di tutto i giorni, perché non sai mai come sarà il domani. Ma c’è una frase che non ho trovato e che forse appartiene a un gruppo di persone che seguono terapie alternative, new age, anche se non è più di moda. La frase è : “Te lo sei fatto venire proprio lì, lo sai che è una offesa non superata.”

Me l’hanno detta un paio di volte e io ho risposto : “Se proprio dovevo farmi venir qualcosa diventavo anoressica, che sono ciciotta. Poi se dipende dalle offese non superate sai che carta geografica  ero!”

Perchè il temine di colpa, nel caso del tumore è assurdamente molto diffuso. Come se dipendesse da noi se viene. Ho conosciuto persone di diversissimo stile di vita, che hanno affrontato il cancro in modo personale, ma alla fine non ci sono più, e altre ,idem, che ci sono ancora, sopravvissute, secondo la medicina ufficiale.

Mai che dicano che abitando vicino a un inceneritore può accadere o che nel cibo e nell’acqua ci sono sostanze velenose, oltre a quello che respiriamo. Se le foglie delle piante del mio giardino si bruciano, stranamente, perché i mie polmoni dovrebbero essere perfetti?

Io ringrazio la giornalista, che ha permesso di mettere a fuoco un problema importante per i malati di tumore: il rapporto con gli altri. Io per ora sono sopravvissuta, per fortuna.

Articolo