La rinascita del fascismo? No grazie.

I segnali sono chiari: si sta di nuovo fortificando il fascismo con i suoi simboli e le sue teorie. Si parte dalla Lega, che è sempre stata razzista fino a Berlusconi che si legge i diari di Mussolini, falsi, per prendere spunto alle sue teorie e si finisce a Firenze con una strage di senegalesi in nome della razza bianca. In questi pochi giorni è tutto un fiorire di aggressioni, anche da parte di minorenni, a persone di colore. Quando c’è lo spettro della povertà il popolo se la prende con chi teme di più come possibile concorrente all’economia. Come se una famiglia di senegalesi sia la causa di questa crisi. Non se la prende con  i veri responsabili, coloro che non pagano le tasse.  Ma si fa poco per fermare il fenomeno del razzismo. Il fascismo nacque come risposta ai movimenti operai del dopoguerra, la prima guerra mondiale, spinto e sostenuto dalla borghesia. Non è tanto diversa la situazione ora: siamo in recessione e finite le casse integrazione moltissima gente sarà alla fame o quasi. Poichè questa storia la conosciamo già facciamo in modo che non si ripeta. Sta a noi non perdere la speranza che  questo stato di cose migliori, si superi la crisi e si viva meglio. insieme. Il pegno da pagare? E’ cambiare stile di vita: meno telefonini e più solidarietà.

6 pensieri su “La rinascita del fascismo? No grazie.

  1. @Giorgio Cortellessa benvenuto! Hai ragione; penso che i giovani siano attirati dalla simbologia, dalla forza e dalla mancanza di dubbi che è insita nella filosofia dei fascisti e non abbiano idea di che cosa significa veramente. E i simboli e le marche sono segni di appartenenza. Bisognerebbe trovarne di più accattivanti, con l’arcobaleno della pace non ci siamo riusciti. Ciao e buone feste Riri52

  2. Tutte queste paure mi sembrano esagerate; la situazione economica è molto diversa da quella del ’19 o del ’29; e poi mi sembra che oggi l’odio sia diretto verso la direzione “giusta” (cioé contro i privilegi e i superstipendi dei parlamentari, gli evasori fiscali e le banche). Al massimo ho paura che questa rabbia degeneri in una “caccia al riccone” stile rivoluzione francese. Bisogna distinguere tra gli imprenditori, che fanno economia reale, e invece gli squali della finanza che speculano su una ricchezza inesistente (oltre che sulle vite delle persone)

  3. Il Fascismo è stato uno dei periodi più bui dell’Italia, Benito Mussolini uno dei più grandi statisti della Storia. Senza ombra di dubbio. Le migliorie e le intuizioni avute dal Duce sono tutt’ora attualissime. Molti dimenticano da dove vengano la previdenza sociale, la riforma scolastica, la cassa malattie o altre opere come la costruzione delle prime autostrade o la bonifica delle paludi. Lo stesso Winston Churchill, antagonista e uomo illuminato, non poté che parlarne bene.
    C’è del marcio -e tanto- ma anche del buono. Non facciamo del facile, stucchevole, revisionismo storico facendo di tutta l’erba un FASCIO.

    Davide

    P.S. Berlusconi legge Mussolini? Mussolini faceva fucilare la gente come Berlusconi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...